Ritornare al testo normale [N]


Giovani Albergatori del Trentino

Il Gruppo Giovani Albergatori della Provincia di Trento nasce per iniziativa dell'Associazione Provinciale e grazie al lavoro di un gruppo promotore formato da 26 giovani albergatori.

Il gruppo promotore, coordinato da Andrea Borlotti, in stretta collaborazione con l'allora presidente e direttore dell'ASAT, Franco Mizzaro e Remo Casagranda, lavora all'elaborazione dello statuto e degli scopi sociali.

Nel dicembre del 1986 si tiene l'assemblea costituente del gruppo che nomina il primo presidente nella persona di Alberto Barbieri. A lui succedono poi Fausto Aldrighetti, Fausto Mottes, Emanuela Felicetti, Massimo Raffaelli.

A seguito della presidenza di Massimo Raffaelli, si costituirà un Comitato di Presidenza composto da Franco Pedrotti, Diego Zorzi e Marisa Cornella che hanno avuto il delicato compito di affrontare le difficoltà sorte dal naturale cambio generazionale.

Il 30 novembre 2006 viene eletto il nuovo ed attuale Presidente dei GAT, Guglielmo Lasagna, che costituisce un nuovo Comitato di Presidenza per avere al suo fianco Christian Armani ed Elisa Ressegotti nel tentativo di ricostituire un forte e rinnovato gruppo giovani.

Il Gruppo Giovani Albergatori, fin dalla sua costituzione, si confronta con il corrispondente gruppo dell'Alto Adige (HGJ) con il quale instaura un rapporto privilegiato.

Il Gruppo prende parte a due importanti organismi quali il Comitato Nazionale Giovani Albergatori (CNGA) di Federalberghi ed il Coordinamento Giovani Imprenditori del Trentino e svolge un ruolo propositivo nel campo della formazione e dell'innovazione imprenditoriale, anche attraverso l'organizzazione di convegni ed incontri.

Ha inoltre promosso e continua a proporre, in collaborazione con le principali realtà imprenditoriali e cooperative del Trentino, iniziative di promozione dei prodotti non solo turistici della nostra provincia, attività di formazione nelle scuole e progetti di sviluppo intersettoriale.

Il Gruppo è oggi strutturato in 13 sezioni periferiche e conta sulla partecipazione di oltre 150 soci.

 

>> Scarica lo statuto <<